Blog

Testa e Spalle BPM

Testa e Spalle: figura di inversione tra le più affidabili dell’analisi tecnica. Vediamola in diretta su BPM

Il testa e spalle è una figura di inversione tra le più affidabili dell’analisi tecnica. In quanto figura di inversione si presuppone che si presenti dopo un trend, rialzista o ribassista. 

Testa e spalle

Quello che vediamo nell’immagine è un testa e spalle ribassista. Le considerazioni che farò valgono anche per il testa e spalle rialzista.

Il testa e spalle ribassista,  è formato da tre massimi consecutivi tra i quali il più alto è quello centrale.In pratica si tratta di tre strappi rialzisti che vanno a formare ciascuno un massimo: i primi due crescenti e il terzo decrescente rispetto al secondo.

 

Con il primo rialzo, la formazione del primo massimo e la successiva correzione, si delinea graficamente la “spalla sinistra”. Dopo la correzione, ha luogo un nuovo strappo rialzista che culmina in un massimo più elevato del precedente, cui fa seguito una nuova correzione. Questo movimento da luogo alla formazione della cosiddetta “testa”.

Possiamo avere le prime avvisaglie di un testa e spalle in formazione dalla divergenza sui volumi, qualora questi risultino più elevati sulla spalla sinistra rispetto alla testa. Sappiamo infatti che un trend, per essere sano, deve essere accompagnato dai volumi e la formazione di un nuovo massimo (“testa”) con volumi decrescenti rispetto al precedente massimo (“spalla sinistra”) ci avvisa di un possibile deterioramento del trend in essere.

Infine abbiamo un terzo strappo rialzista, con la formazione di un massimo inferiore al precedente e ancora una volta una correzione a testare la trendline che unisce i minimi della formazione e che, in pratica, delimita le correzioni cui abbiamo sin qui assistito. Questa trendline, che prende il nome di “neckline”, è di estrema importanza perché è con la sua violazione al ribasso che la figura del testa e spalle viene completata. L’incremento dei volumi di scambio, in occasione della rottura della neckline, aumenta le probabilità di successo del testa e spalle.

Dopo la rottura della neckline, si assiste spesso ad un ritorno delle quotazioni (“rimbalzo”) a testare dal basso verso l’alto la medesima neckline, come possiamo vedere nell’immagine precedente. Questo rimbalzo deve necessariamente avvenire con volumi in diminuzione, a confermare che si tratta di semplici prese di profitto degli operatori dovute alla chiusura delle posizioni short, e non della ripresa del trend rialzista. La conferma del movimento avviene con il test della neckline e la ripresa della discesa delle quotazioni.

Il target ipotizzabile per questa figura, ovvero il livello sul quale possiamo attenderci la proiezione dei prezzi una volta che la figura sia confermata  è quella di proiettare l’altezza della figura, misurata con una perpendicolare dal massimo più alto fino alla neckline, e proiettarla verso il basso nel punto di rottura della neckline stessa.

ora, come piace fare a me (dopo è troppo facile), vediamo un esempio reale di un testa e spalle su BPM in fase di formazione. 

Grafico a 4 ore giorno Ven 22 Marzo 2019 ore 17:30

Testa e spalla

Il testa e spalle tracciato è perfetto. Ora la decisione è quella di capire se entrare long e sfruttare il possibile rimbalzo o se entrare subito short.

Come si può ben vedere dalla figura la rottura della neckline è intorno ai 1.9459 e già l’inversione sembra essere iniziata. Le possibilità di ingresso sono due: 

1) tentare anche sul rimbalzo con prezzo che ritorna vicino a 1.95 e subito dopo short per una ridiscesa fino a 1.7 (completamento della figura) 

 

 

2)(meno rischiosa) attendere il completamento della figura e andare short poco sotto i 2 euro. In questo caso è da valutare anche l’rsi del grafico che può dare buoni spunti per l’apertura dell’operazione. Buon guadagno a tutti (a vostro rischio e pericolo, io rischio).

Bestemmie o ringraziamenti nei commenti grazie 🙂 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.